NHC Medical & Beauty
Le onde d’urto rappresentano una valida strategia terapeutica a patto che sia utilizzato un buon apparecchio onde d’urto. Numerose sono le evidenze sperimentali riguardanti l’applicazione di questa tecnica a patologie di vario tipo, ma i risultati dimostrati sono replicabili solo con l’utilizzo di apparecchiature elettromedicali per onde d’urto ad alto livello tecnologico e per uso professionale. NHC Medical & Beauty ha sviluppato un macchinario tra i più potenti esistenti sul mercato, il cui utilizzo è autorizzato solo per professionisti del settore, quali Medici Specialisti, Fisiatri, Fisioterapisti e Massofisioterapisti.

SALAPIUM SHOCK WAVES MED: L’APPARECCHIO ONDE D’URTO PROFESSIONALE CHE CERCAVI

Salapium Shock Waves Med è un apparecchio elettromedicale professionale compatto, utilizzabile in studio, ma anche facilmente trasportabile in virtù delle dimensioni contenute. Tecnologia di ultima generazione, potenza e facilità di utilizzo sono i principali punti di forza del nostro apparecchio onde d’urto radiali, il tutto accompagnato da un design minimalista e accattivante. Il totale controllo della macchina si ha attraverso un ampio display lcd touch screen a colori di 8”, con possibilità di selezionare i parametri di terapia manualmente o utilizzando programmi predefiniti. È fornita una chiave USB in dotazione per la memorizzazione delle schede pazienti. L’esecuzione della terapia con Salapium Shock Waves Med risulta essere più confortevole rispetto ad altri apparecchi ad onde d’urto, in quanto il contraccolpo di ritorno che il terapista riceve è stato ridotto del 95% grazie alla progettazione di un nuovo applicatore ammortizzato anti-shock. Con la nostra macchina è possibile effettuare trattamenti in tutta sicurezza e ottenere gli effetti biologici indotti dalla terapia ad onde d’urto professionale, quali: riduzione dell’infiammazione articolare e aumento dell’iperemia locale, mediante aumento dell’apporto di nutrienti, eliminazione di mediatori proinfiammatori e riassorbimento di edemi, elevato effetto antalgico e stimolazione della rigenerazione fisiologica dei tessuti.  

RICHIEDI INFORMAZIONI SULL'OFFERTA
IN CORSO E SUL
NOLEGGIO OPERATIVO

SPECIFICHE TECNICHE

POTENZA MASSIMA EROGATA 5 bar 
  FREQUENZA MASSIMA RAGGIUNTA 22 Hz 
  NUMERO MASSIMO DI COLPI EROGATI 2000000 
  MODALITÀ DI APPLICAZIONE DEI COLPI Continua, a singolo impulso, brust (treno di impulsi)        

ACCESSORI IN DOTAZIONE

1 Applicatore Salapium SW-Med 
 1 Trasmettitore multi focalizzato 9 mm 
 1 Trasmettitore multi focalizzato 15 mm 
 1 Trasmettitore focalizzato 15 mm 
 2 Fusibili 
 1 Chiave USB 
 1 Cavo di alimentazione 
 1 Confezione di Gel (1000 ml) 
 1 Kit intercambiabile 1 Trasmettitore radiale 35 mm (optional)  

protocollo clinico di trattamento

Le modalità di esecuzione della terapia con onde d’urto differiscono a seconda del distretto da trattare e del tipo di patologia. Ogni seduta in cui è utilizzata Salapium Shock Waves Med ha una durata media di 10-15 minuti nel caso di trattamento di patologie a carico dei tessuti molli (tendini, muscoli, cute) e tempi maggiori nel caso di trattamenti sull’osso (anche fino a un’ora). Durante l’intera durata del trattamento il paziente è sotto il costante e diretto controllo dell’operatore specializzato. In genere il ciclo completo di cura è costituito da 3-4 sedute ad intervalli di 1-2 settimane.

CAMPI DI APPLICAZIONE DELLE ONDE D'URTO

ortopedia E RIABILITAZIONE

MEDICINA 
ESTETICA

MEDICINA 
DELLO SPORT

VANTAGGI DELLA SALAPIUM SHOCK WAVES MED

Grazie all'interfaccia grafica semplice e intuitiva e alla possibilità di scelta tra impostazioni manuali e protocolli terapeutici preimpostati, Salapium Shock Waves Med permette l’utilizzo delle onde d’urto anche a specialisti del settore che si approcciano per la prima volta a questo genere di terapia. Un ampio display touch screen a colori da 8” permette all'operatore di avere tutti i parametri sotto controllo e consente l’accesso ad un’ampia lista di protocolli memorizzati, aventi parametri suggeriti creati dai nostri consulenti scientifici. Si tratta di oltre 40 programmi terapeutici, suddivisi per zone anatomiche e branche specialistiche. Selezionando la zona anatomica sul display si accede ad un elenco delle patologie ad essa correlate; selezionando la specialità medica (ortopedia/medicina dello sport/medicina estetica) si accede invece a un elenco delle patologie inerenti a tale branca, ciascuna collegata a protocolli suggeriti preimpostati. Tutti i protocolli memorizzati hanno un Help Online (aiuto in linea) che spiega come eseguirli e possono essere facilmente modificati in ogni momento. Inoltre, grazie alla Chiavetta USB in dotazione, è possibile creare delle “schede paziente”, memorizzando anche una breve anamnesi. Il compressore integrato è potente, ma allo stesso tempo silenzioso. Il manipolo è comodo e performante, in quanto è ergonomico e ammortizzato. 
La modalità One-Touch permette all'operatore di premere solamente una volta il pulsante di attivazione e di ottenere l’erogazione continua dei colpi fino alla fine della terapia, o fino a che sarà premuto nuovamente tale pulsante per andare in pausa.  Grazie al lettore MP3 integrato è possibile ascoltare musica durante il trattamento per ricreare un’atmosfera rilassante. Infine, dato il sempre crescente numero di prescrizioni mediche per questo tipo di trattamento e l’assenza di manutenzione ordinaria, l’acquisto di questo macchinario professionale a onde d’urto risulta essere meno impegnativo, poiché vi è un rapido ritorno dell’investimento.
  
L’utilizzo di Salapium Shock Waves Med può essere risolutivo nel caso del trattamento di patologie sia in fase acuta (instaurate da pochi giorni o settimane), che in fase cronica (presenti addirittura da anni). Le patologie su cui si è rivelato più efficace il trattamento con onde d’urto sono:   

tendinopatie, soprattutto nelle sedi di gomito (epicondiliti e epitrocleiti), spalla (tendinopatie della cuffia dei rotatori, sia inserzionali che calcifiche), ginocchio (tendinopatie del rotuleo e della zampa d’oca), pube (tendinopatie degli adduttori della coscia o pubalgie), piede (tendinopatie del tendine d’Achille, fascite plantare, sperone calcaneare);   

patologie ossee, quali pseudoartrosi, ritardi di consolidamento nelle fratture, rizoartrosi, osteocondriti disseccanti, algoneurodistrofie, necrosi asettica della testa del femore o della testa dell’omero;   

patologie dei tessuti molli, come miositi ossificanti e calcificazioni eterotropiche, esiti fibrotici e/o calcifici di lesioni a muscoli, legamenti o fasce, morbo di Dupuytren, condrocalcinosi a livello di gomito, ginocchio, anca.  

In tutti i casi l’azione della Salapium Shock Waves si traduce nel sollievo immediato dal dolore per il paziente e nella riduzione dei tempi del trattamento.  

Esistono solo alcune limitazioni al trattamento con onde d’urto, quali: 
la vicinanza della zona da trattare a strutture delicate come cervello, midollo spinale, gonadi, polmoni e intestino; gravidanza; neoplasie; terapie con anticoagulanti; infezioni del tessuto danneggiato; pacemaker o elettrostimolatori; età preadolescenziale. 

RICHIEDI ulteriori informazioni sul nostro apparecchio onde d'urto

tipologie di onde d'urto

Dal punto di vista fisico, le onde d’urto sono onde acustiche ad alta energia. Possono essere utilizzate a scopo terapeutico nel trattamento di molte patologie, mediante propagazione nel corpo umano. Le onde d’urto differiscono tra loro sulla base del principio fisico che le generano e per il tipo di propagazione. Ne esistono di due tipi: focali e radiali. 

ONDE FOCALI O AD ALTA ENERGIA

Le onde d’urto focali possono essere generate da tre diverse tecnologie: generatore elettroidraulico, generatore elettromagnetico e generatore piezoelettrico. Concentrano elevata energia in un solo punto della zona da trattare.  

ONDE RADIALI O BALISTICHE

Le onde radiali non sono direzionate in un solo punto ma si irradiano su tutta la superficie trattata. L’onda d’urto viene generata mediante uno speciale manipolo a forma di pistola, la cui canna è chiusa all’ estremità da un trasduttore metallico che funge da tappo. All'interno della canna viene lanciato un proiettile di acciaio mediante aria compressa a 4-5 bar di pressione. La collisione genera un’onda d’urto che si diffonde e si espande radialmente nei vari strati del tessuto trattato.  

MECCANISMO D’AZIONE DELLE ONDE D’URTO

La terapia ad onde d’urto è non invasiva, ben tollerata ed efficace. Per la prima volta fu utilizzata per eliminare i calcoli renali (litotripsia) senza effettuare intervento chirurgico, ma successivamente si pensò al suo utilizzo nel trattamento di patologie muscoloscheletriche, soprattutto tendinopatie, pseudoartrosi e calcificazioni periarticolari. Un’alta quantità di energia viene trasferita al tessuto bersaglio e innesca i naturali processi di guarigione. 
 L’onda d’urto è caratterizzata da un repentino aumento pressorio (picco di pressione positivo), con un tempo al picco inferiore ai 10 ns, seguito da una lenta fase di ritorno alla pressione atmosferica (pressione negativa).   


La pressione positiva e il corto tempo al picco inducono l'effetto diretto delle onde d'urto: l’onda si trasforma in energia cinetica all’interfaccia tra tessuti a diversa densità e impedenza.  La tensione d'onda determina invece l’effetto indiretto delle onde d'urto, chiamato anche effetto cavitazionale. 
Se il bersaglio è una struttura inorganica, come un calcolo renale, questa subisce l’effetto meccanico diretto dell’onda d’urto e viene disintegrata e ridotta in piccoli frammenti che saranno poi espulsi. Se invece si tratta di una struttura vitale, come tendini, muscoli, ossa e legamenti, questa non viene danneggiata, bensì conseguenza dell’alternanza di compressione e decompressione è l’instaurarsi di fenomeni di cavitazione, con formazione di microbolle all’interno del tessuto target, che, successivamente, dopo essere state colpite dall’onda d’urto successiva, si deformano e implodono. Ne deriva un microgetto d’acqua (jet stream) che viaggia ad altissima velocità e, per effetto meccanico, determina microtraumi e microlesioni, la cui entità varia in base al numero di impulsi e alla loro energia. Di conseguenza si ha un aumento del flusso ematico in loco per neoangiogenesi riparativa. Inoltre, si verifica la vasodilatazione da simpaticoplegia temporanea, responsabile del cosiddetto effetto “wash-out”, in cui viene ripristinato il microambiente ottimale mediante allontanamento di mediatori proinfiammatori quali istamina, bradichinina e sostanza P. Sembrerebbe inoltre che il nitrossido d’azoto (NO) abbia un ruolo fondamentale nel meccanismo d’azione delle onde d’urto. Infatti, questo mediatore chimico, considerato la molecola starter di angiogenesi, risposta antinfiammatoria e risposta immunitaria, verrebbe sintetizzato direttamente a seguito del fenomeno della cavitazione. Ad ogni modo il meccanismo d’azione completo è molto complesso e non ancora del tutto chiarito, sebbene sia ormai evidente che le onde d’urto stimolino l’attivazione dei fisiologici processi riparativi e agiscano in maniera differente a seconda del tessuto bersaglio.  rsaglio.  

EFFETTI BIOLOGICI INDOTTI DA UN APPARECCHIO ONDE D’URTO PROFESSIONALE

L’irraggiamento con Onde d’urto è responsabile di una serie di azioni biologiche, sia a livello cellulare che a livello molecolare, che si traducono in effetti terapeutici.

EFFETTO ANTALGICO  

L’effetto anti-dolorifico è il risultato di tanti fattori. I più importanti sono la liberazione di endorfine, l’aumento della soglia di attivazione dei nocicettori, la riduzione della tensione muscolare e degli spasmi. Inoltre si ha aumento della dispersione delle sostanza P, mediatore che stimola le fibre nervose nocicettive. 
Nello specifico, nei primi minuti di una seduta che prevede l’utilizzo di un apparecchio onde d’urto professionale, si verifica la microlesione delle membrane cellulari dei nocicettori del distretto colpito, per cui viene alterata la capacità di formazione del potenziale d’azione di questi ultimi e si ha effetto antalgico. Continuando il trattamento, si verifica un effetto anti-dolorifico maggiore e prolungato, derivante da un elevato rilascio locale di endorfine e radicali liberi, oltre che a un effetto “reset” della soglia del dolore a livello del SNC, conosciuto come effetto gate-control.   

EFFETTO ANTI-EDEMA

Le onde d’urto portano a un aumento transitorio del gradiente pressorio, tale da indurre neo-vascolarizzazione nel sito danneggiato. Ciò favorisce il miglioramento del microcircolo, il riassorbimento delle sostanze pro-infiammatorie con rimozione dei prodotti della lesione e il richiamo in loco di sostanze chimiche necessarie per la riparazione.  

ATTIVAZIONE DEI PROCESSI RIPARATIVI

Nel tessuto osseo si ha stimolazione della osteogenesi dovuta ad aumento dell’attività degli osteoblasti in risposta ai microtraumi subiti e un aumento della produzione di collagene. Inoltre, grazie alla vasodilatazione indotta, si verifica il wash-out.  

REFERENCES

Acoustic field of a ballistic shock wave therapy device. Cleveland et al. Ultrasound Med Biol. 2007 Aug;33(8):1327-35. Epub 2007 Apr 27.
 
Extracorporeal shock wave therapy as a treatment for heterotopic ossification. Physical Therapy Reviews. Aug2013, Vol. 18 Issue 4, p300-307.
   
Treatment for insertional Achilles tendinopathy: a systematic review. Knee Surgery, Sports Traumatology, Arthroscopy. Jun2013, Vol. 21 Issue 6, p1345-1355.

A single application of low-energy radial extracorporeal shock wave therapy is effective for the management of chronic patellar tendinopathy. Knee Surgery, Sports Traumatology, Arthroscopy. Feb2013, Vol. 21 Issue 2, p346-350.

Conservative Management of Midportion Achilles Tendinopathy. Sports Medicine. 2012, Vol. 42 Issue 11, p941-967.

Shockwave therapy for chronic Achilles tendinopathy: A double-blind, randomized clinical trial of efficacy. Acta Orthopaedica. Apr2008, Vol. 79 Issue 2, p249-256.

Extracorporeal shock wave therapy in runners with a symptomatic heel spur. Knee Surgery, Sports Traumatology, Arthroscopy. Oct2006, Vol. 14 Issue 10, p1029-1032.

Extracorporeal shock wave therapy promotes cell proliferation and collagen synthesis of primary cultured human tenocytes. Knee Surgery, Sports Traumatology, Arthroscopy. Dec2011, Vol. 19 Issue 12, p2159-2168.

The Efficacy of Extracorporeal Shock-Wave Treatment: A New Perspective. Athletic Therapy Today. Nov2005, Vol. 10 Issue 6, p50-51.   

APPROFONDIMENTI

https://www.youtube.com/watch?v=ZoRomRUnqXo
http://www.ondedurto.org/info_onde_durto/diversi_sistemi.htm
https://medicinafisica.it/onde-durto-terapia-controindicazioni-efficacia/